I REGGINI RACCONTANO REGGIO CALABRIA

itReggioCalabria

COSA VEDERE ITINERARI

Il Cammino Basiliano: la Calabria scopre il turismo lento

Cammino Basiliano Evidenza

Il cammino alla scoperta della Calabria è un sogno che finalmente si realizza. Da qualche settimana l’associazione Cammino Basiliano ha inaugurato l’omonimo percorso. Si tratta di un tragitto a tappe che attraversa da nord a sud tutta la regione. La Calabria entra così nell’era del cosiddetto turismo lento. Il turismo che non consuma, bensì mira a conoscere.

paesaggio tipico
Un tipico paesaggio aspromontano

La prima rappresentazione su scala nazionale del Cammino Basiliano si è svolta qualche giorno fa nella sala verde della cittadella regionale. Per l’occasione i promotori, sostenuti dalla Regione Calabria, hanno illustrato l’idea originaria del progetto. In sostanza, il percorso vuol essere il filo conduttore tra le aree interne nelle quali le diverse confraternite monacali hanno lasciato tracce tangibili. Camminando da una tappa all’altra s’individuerà una sorta di struttura di base nella quale confluiscono culture, paesaggi, tradizioni e storie differenti. Ma, al contempo, generate da una terra comune.

veduta del Borgo al suo interno
Una veduta dell’antico borgo di Pentedattilo

Il cammino nelle sue prime settimane di vita

Per chi volesse effettuare il cammino completo, la durata complessiva è di settantadue giorni. È chiaro però che il tragitto può essere spezzato. Le tappe possono essere di sette, di sedici o di trentadue chilometri. Il sentiero condurrà gli intrepidi camminatori attraverso territori dai mille volti. Si toccherà con mano la diversità, ossia questa millenaria risorsa che ha permesso alla Calabria di crescere in cultura e in storia.

Cammino Albanese
Una festa popolare in una cittadina calabrese di origine albanese

Il cammino sosterà accanto a castelli e rocche che testimoniano le rispettive origini arabo-bizantine. Ciò a testimonianza di un forte legame col vicino Oriente. Sempre sulla scia della scoperta, il cammino s’insinuerà tra le comunità di lingua arbëreshe e grecanica, mostrando ai visitatori la tenacia di tradizioni che sopravvivono da secoli.

Uno sguardo alle tappe basiliane

I coraggiosi viandanti che si avventureranno lungo il cammino basiliano avranno davanti delle tappe dense di storia e bellezza: 1040 chilometri di pura scoperta. Si parte da Rocca Imperiale per giungere a Reggio Calabria. La regione verrà attraversata seguendo il versante jonico dell’Appennino. Dal Pollino, alla Sila e infine all’Aspromonte, le catene montuose faranno da scenario al singolare itinerario.

Pietra Cappa Vista Da Roccia San Pietro
Pietra Cappa

Ci saranno anche tappe definite wild, perché appunto più aspre e selvagge. Per affrontarle sarà necessario avere equipaggiamenti adeguati ed essere esperti escursionisti. Strade bianche, piste sterrate, sentieri di montagna e antiche mulattiere tracciano il cammino lungo il quale i viandanti impareranno a conoscere il ventre storico della Calabria.

Le soste lungo il cammino

Quando e dove fermarsi? Domande legittime se si pensa di percorrere tappe così lunghe e sotto alcuni aspetti anche faticose. Ebbene, l’associazione Cammino Basiliano ha pensato anche a questo. È stata per l’appunto creata una rete composta da 350 strutture ricettive e 250 ristoranti a cui fare riferimento.

Agriturismo Vicolo

Pertanto il cammino potrebbe essere un’idea di vacanza non esclusivamente estiva. Infatti, se si ha la sicurezza del ristoro, anche le stagioni meno miti possono essere consone a un’avventura di questo genere.

La prima rappresentazione nazionale

Nei giorni scorsi si è svolta la prima rappresentazione nazionale del Cammino Basiliano. All’evento hanno preso parte i rappresentanti dell’associazione promotrice e quelli della Regione Calabria che ha patrocinato il progetto. Altre rappresentazioni sono in programma a Roma, Milano e Bruxelles, oltreché in Calabria.  

Il Cammino Basiliano: la Calabria scopre il turismo lento ultima modifica: 2020-08-31T09:28:46+02:00 da Daniela Lucia
To Top