ARTE TRADIZIONI

La ceramica artistica calabrese è celebrata a Seminara

Alcuni Pezzi Di Ceramica In Mostra

La ceramica in Calabria è un’arte molto apprezzata e molto antica. Si hanno tracce sin dalla preistoria, anche se il periodo di maggior splendore fu sicuramente quello magno greco, intriso della cultura della madre patria e mescolato agli usi del luogo. Un’arte molto apprezzata che accomuna diverse località calabre, note per la produzione di ceramiche artistiche, tra cui Gerace, Seminara e Squillace. A Seminara, in particolare, è possibile visitare il Museo delle Ceramiche di Calabria.

Visitatori Del Museo E Maschera Apotropaica

L’arte della ceramica e il Museo di Seminara

Inaugurato recentemente il museo raccoglie oltre cinquecento pezzi che provengono da venti luoghi di produzione calabresi delle ceramiche artigianali, artistiche e di uso quotidiano. Le tre sale allestite dalla curatrice Monica De Marco, hanno anche pannelli illustrativi e documentazioni audiovisive, che facilitano la visita.

statue esposte al museo

La scelta del luogo è stata fortemente voluta. Seminara, infatti, è uno dei centri di eccellenza nella produzione di ceramiche artistiche. Una tradizione che vede coinvolte intere famiglie di artigiani, che, da sempre, realizzano oggetti dalle forme più strane e disparate.

Una Sala Del Museo Delle Ceramiche Di Calabria

Pezzi unici che custodiscono forme e colori del Sud Italia. Si racconta che anche Picasso rimase affascinato dall’estro dei maestri ceramisti del luogo e che da essi abbia tratto ispirazione per le sue ceramiche.

Centro studi Esperide

L’idea iniziale del museo si ha nel 2011 e poi grazie alla sinergia tra il Centro Studi Esperide e il comune di Seminara, si è riusciti nel 2019 a concretizzarla in uno spazio espositivo che documentasse la grande produzione artistica regionale.

La ceramica racconta la Calabria

Questi oggetti ci permettono di entrare all’interno della natura di un popolo, infatti la produzione ceramica è il frutto di una sedimentazione storica. Simboli, codici linguistici, materici, significati antropologici, vengono esplicitati attraverso lo la realizzazione di oggetti artistici.

 Reperti antichi al museo

Nel solco della tradizione ancora oggi si conservano caratteri comuni e riconoscibili che delineano un legame profondo tra il territorio, la collettività e il suo immaginario. In Calabria si è mantenuta una forte adesione alle usanze e consuetudini del passato che si ritrova nei manufatti artigianali e nella ceramica.

Lavorazione Dell'argilla Al Tornio

In molte aree calabresi è ancora utilizzata la ceramica policroma invetriata. A Squillace famosa è la ceramica graffita, a Gerace si ricordano le pinakes di origine greca, a Bisignano le ceramiche smaltate. A Seminara la tecnica di origine bizantina dell’ingobbio policromo invetriato è tipico e ancora oggi realizzato. Diverse le fornaci attive che utilizzano ancora come combustibile il nocciolo di ulivo. Una produzione che diventa anche sostenibile.

Simboli e tradizioni che si rinnovano

La Calabria è, secondo l’archeologo Renato Peroni, “la prima regione della penisola in cui furono introdotti l’uso del tornio da vasaio, la cottura in forni ad alta temperatura di vasi di argilla depurata con decorazione dipinta”. Una storia molto antica e particolare anche nei soggetti realizzati, molti possiamo ritrovarli anche al museo.

Il mito prende forma

Forme che rimandano alla tradizione mitologica, popolare, propiziatoria e divinatoria. Si trovano maschere apotropaiche, prototipi classici, che con la loro mostruosità servivano ad allontanare gli spiriti maligni preservando l’abitazione.

Alcuni Esempi Di Ceramiche Di Seminara

Il riccio, per esempio, è legato alla fertilità, perchè con i suoi aculei irti richiama l’atto sessuale. Anche la tradizione cristiana è raffigurata, con il pesce e, tanti oggetti che il ceramista con la sua fantasia ha sempre plasmato.

Calabriselle, boccali a segreto e babbaluti

Tra questi recipienti di ogni tipo, fiasche antropomorfe, boccali a segreto, sirene, calabriselle e babbaluti. Possiamo quindi affermare che la ceramica si colloca tra la produzioni più interessanti della cultura materiale di una civiltà. Essa ci permette di raccontarne caratteristiche, usi e costumi.

(Foto Facebook Città di Seminara)

Gianna Maione

Autore: Gianna Maione

Curiosa, frenetica e sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo ma, allo stesso tempo amante della lentezza tipica del mio Sud. La cosa importante è sfuggire la noia! L’arte, il cinema, i libri sono i miei fidati compagni di viaggio, insieme ai miei amici più cari e ai miei studenti, che non finirò mai di ringraziare. La scrittura, una bellissima abitudine!
La ceramica artistica calabrese è celebrata a Seminara ultima modifica: 2019-08-16T07:24:12+02:00 da Gianna Maione

Commenti

To Top