I REGGINI RACCONTANO REGGIO CALABRIA

itReggioCalabria

NEWS PERSONAGGI

Domenico Arcuri, il commissario per l’emergenza

Arcuri - Primo piano di Domenico Arcuri

Nuovo giro di vite da parte del governo italiano contro il Coronavirus. Misure ancora più restrittive per gli esercizi commerciali e ampi poteri al commissario straordinario Domenico Arcuri chiamato a gestire lo stato di emergenza sanitaria.

domenico Arcuri commissario Emergenza
Domenico Arcuri – Foto Youtube

Il neo commissario è calabrese, precisamente di Melito Porto Salvo dove è nato 57 anni fa. Una bella soddisfazione per la Calabria. “Arcuri – ha spiegato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – avrà ampi poteri di deroga. Lavorerà per rafforzare produzione, distribuzione di attrezzature per terapia intensiva e sub intensiva”. Tanto lavoro, dunque, per una grande e importante responsabilità.

Falcomatà: “La nomina di Arcuri mi riempie di orgoglio”

Ha espresso grande soddisfazione il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. In una nota ha commentato: “La nomina di Domenico Arcuri mi riempie di orgoglio da cittadino reggino ancor prima che da sindaco metropolitano di Reggio Calabria”. Il primo cittadino ricorda d’essere legato ad Arcuri da lunga amicizia. Sentimento coltivato nella lunga collaborazione con Invitalia, di cui il neocommissario all’emergenza è amministratore delegato.

Arcuri - intervento di Falcomata
Giuseppe Falcomatà – licenza CC BY-ND 2.0

“In un periodo di profonda incertezza – ha aggiunto Falcomatà – l’incarico affidato a Domenico Arcuri può rappresentare un primo conforto per la popolazione dell’area metropolitana. Infatti i cittadini di questa zona potranno contare sul prezioso lavoro di un loro illustre e valido concittadino”. Il sindaco ha concluso, dicendosi convinto che le capacità di Arcuri “contribuiranno a tirarci fuori da un’emergenza che non conosce precedenti”.

Domenico Arcuri: la vita privata

Nato nel 1963 a Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria, Arcuri è stato legato alla giornalista e conduttrice televisiva di La7 Myrta Merlino. Dall’unione con la Merlino è nata la figlia, Caterina, che oggi ha 18 anni.

Da 13 anni alla guida di Invitalia

Arcuri è da 13 anni amministratore delegato di Invitalia, l’agenzia nazionale per gli investimenti e lo sviluppo d’impresa controllata dal ministero dell’Economia. Un mandato rinnovato per la quinta volta lo scorso dicembre.

Arcuri - ingresso della sede di Invitalia
Sede di Invitalia – Foto licenza CC BY-SA 4.0

Per Invitalia ha gestito importanti problematiche italiane come la reindustrializzazione dell’area di Termini Imerese e la bonifica di Bagnoli. Ed è su di lui che conterebbe il premier Conte insieme al Ministro per lo Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, per guidare il complicato intervento pubblico nell’ex Ilva di proprietà di Arcelor Mittal. Il suo nome è stato fatto in passato anche come possibile candidato al vertice di Cassa Depositi e Prestiti. Di Arcuri si era parlato anche come successore di Alessandro Profumo alla guida di Leonardo e di Claudio Descalzi come amministratore di Eni.

Dalla scuola militare alla finanza

Dopo aver frequentato la scuola militare della Nunziatella a Napoli, nel 1986 Arcuri si è laureato in Economia alla Luiss. Argomento della tesi è la “Redditività economica e sociale degli investimenti pubblici nel Mezzogiorno”. Dopo la laurea entra subito in Iri (Istituto per la ricostruzione industriale). Per l’istituto gestisce le aziende del gruppo del settore telecomunicazioni, informatica e radiotelevisione.

 Ingresso dell'Università Luiss
Ingresso Università Luiss – Licenza CC BY-SA 4.0

Dopo un passaggio ai vertici di “Telco, Media e Technology” di Arthur Andersen, nel 2004 è diventato amministratore delegato della società di consulenza Deloitte Consulting. Arcuri oggi è anche docente di economia e politica industriale all’Università Bocconi, Federico II e Luiss “Guido Carli”. Cura una sua rubrica sull’Huffington Post. Collabora con diverse testate nazionali dove scrive di sviluppo del Mezzogiorno.

Stretta collaborazione con la Protezione civile

Il commissario Arcuri collaborerà strettamente con la Protezione civile per gestire l’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. Un’azione sinergica già avviata visto che Invitalia opera come centrale di committenza per gli appalti della pubblica amministrazione. Infatti da quando siamo in stato d’allarme, Arcuri si è occupato degli approvvigionamenti di materiale e apparecchiature sanitarie. Il manager non lascerà l’incarico ad Invitalia, anzi il gruppo in questo periodo avrà un ruolo strategico per il rafforzamento della produzione. A lui la grande responsabilità di aiutare l’Italia a gestire la grande emergenza sanitaria e riuscire a traghettare il paese fuori dalla pandemia.

Domenico Arcuri, il commissario per l’emergenza ultima modifica: 2020-03-13T08:26:59+01:00 da Raffaella Natale

Commenti

To Top