I REGGINI RACCONTANO REGGIO CALABRIA

itReggioCalabria

PERSONAGGI VALORI

Antonio Marziale consulente della Commissione d’inchiesta sugli orrori de “Il Forteto”

Forteto Marziale Ridim

E’ calabrese ed è uno dei migliori esperti sui temi riguardanti i bambini. Parliamo del sociologo Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria. Marziale è stato nominato per un nuovo e importante incarico. Sarà consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sui fatti accaduti nella Comunità “Il Forteto”. Per Marziale si tratta di un ennesimo riconoscimento istituzionale che lo annovera tra i massimi specialisti in tema di tutela dei minori. Una grande soddisfazione per il sociologo originario della provincia a di Reggio Calabria.

Marziale: “Al Forteto, gravi abusi su minori”

Lo scandalo de “Il Forteto”, uno dei più grandi che travolse l’Italia e in particolare la Toscana, riguarda i casi di molestie sessuali e pedofilia che si sono svolti nel 1977 all’interno della comunità fondata da Rodolfo Fiesoli, condannato dalla Cassazione a 14 anni e 10 mesi per maltrattamenti e abusi sui minori, e Luigi Goffredi.

Forteto Montecitorio
Montecitorio, Ph by Manfred Heyde – Opera propria, CC BY-SA 3.0

Un caso ancora non interamente risolto in tutto le sue pieghe e che fa orrore per quanto accaduto a bambini affidati a queste strutture. Una storia su cui si continua a indagare anche sul solco di quanto successo successivamente a Bibbiano. Secondo quanto emerso dalle vicende giudiziarie e da tre Commissioni di inchiesta regionale e nazionale, all’interno della struttura si commisero abusi psicologici e sessuali nei confronti di minori e disabili. In una nota, Marziale spiega che si trattava di minori che il Tribunale per i minorenni aveva affidamento alla comunità, anche dopo le prime condanne dei fondatori. La comunità opera a Vicchio, in provincia di Firenze, e nel 2018 il governo ha commisto la cooperativa che gestisce le attività produttive.

Il lavoro della Commissione sul caso “Il Forteto”

Nel 2019 è stata istituita una Commissione parlamentare per indagare sulla comunità “Il Forteto”. Interessa soprattutto capire perché sia stata accreditata come interlocutore istituzionale anche dopo i provvedimenti giudiziari che riguardavano appunto gli abusi sessuali commessi al suo interno. Sotto la lente è finita la gestione della comunità.

Forteto Photo By Michał Parzuchowski On Unsplash
Photo By Michał Parzuchowski On Unsplash

ùObiettivo: accertare i fatti e le ragioni per cui le pubbliche amministrazioni e le autorità competenti interessate, abbiano proseguito ad accreditare la struttura nonostante le azioni legali. La Commissione è competente anche per la soluzione di altre problematiche riguardanti la comunità come la gestione della cooperativa agricola e i risarcimenti a favore delle vittime. Il lavoro è pure più ampio perché comprende l’indicazione di strumenti di controllo delle comunità presenti in Italia, dei soggetti responsabili degli affidi familiari e del sistema sanzionatorio.

Marziale, una vita spesa a servizio dei minori

Marziale è nato a Taurianova, in provincia di Reggio Calabria. Oltre a essere il Garante calabrese per l’Infanzia e Adolescenza, è fondatore e presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori. Non a caso è stato insignito della Laurea Honoris Causa in Psicologia Sociale. Il suo nome è legato alla stesura dei Codici Tv e Minori e Internet & Minori, a cui ha collaborato alacremente. Ora è chiamato a un nuovo e importante incarico. Con la sua grande esperienza in tema di minori, contribuirà a far luce sugli orrori de “Il Forteto” ma soprattutto ad alzare la guardia, rendere più rigidi i controlli per impedire che simili abusi su bambini innocenti possano ripetersi.

Antonio Marziale consulente della Commissione d’inchiesta sugli orrori de “Il Forteto” ultima modifica: 2020-05-19T07:23:36+02:00 da Raffaella Natale
To Top